Palcoscenici di Carta

Il mondo dello spettacolo nei libri per ragazzi

Cristina Pieropan (Italia), Chiara Raineri (Italia), Fatinha Ramos (Portogallo) e Victoria Semykina (Russia): queste le autrici delle illustrazioni che saranno esposte nella mostra Palcoscenici di carta. Il mondo dello spettacolo nei libri per ragazzi, promossa da Bologna Children’s Book Fair e allestita nella galleria della Libreria per ragazzi Giannino Stoppani di Bologna dall’8 al 19 marzo 2022.

Una data di apertura simbolica, che intende porre in questo modo l’attenzione del pubblico sulla presenza nel mondo dell'illustrazione di molte autrici di grande presenza espressiva, che con il loro lavoro attestano qualità professionali riconosciute in una geografia editoriale allargata.

La mostra si pone quindi come l’occasione di scoprire il lavoro e i libri che ospitano le illustrazioni di quattro artiste - diverse per segno, per poetica e per geografia - scelte una per ciascuna delle quattro edizioni del concorso Il bambino spettatore, offrendo al pubblico un’anteprima dell’esposizione che verrà ospitata al Teatro La Baracca - Testoni per ragazzi e sul portale BCBF Galleries, accessibile dal sito di BCBF, in occasione della prossima edizione della Fiera (21-24 marzo 2022): un anticipo della potenza dei contenuti visivi che abiteranno gli spazi della 59ª edizione della Bologna Children's Book Fair.

 

Sabato 19 marzo, alle ore 18, la Libreria Stoppani ospiterà un finissage alla presenza delle illustratrici, che interverranno con una conversazione a più voci in un incontro aperto al pubblico. 

Documenti e materiali

INVITO


Articoli Correlati

Palcoscenici di carta, il mondo dello spettacolo nei libri per ragazzi
8-19 marzo 2022
Libreria per ragazzi Giannino Stoppani
Via Rizzoli 1F, Bologna 

Orari di apertura:
lunedì sabato 10-19,30
domenica 11-13/15,30-19,30
info 051 227337
stoppanilibreria@gmail.com

*Il bambino spettatore è parte del progetto quadriennale Mapping - A map on the aesthetics of performing arts for early years, una ricerca artistica, di cui Bologna Children’s Book Fair è partner, sostenuta dall'Unione Europea nell’ambito del programma Creative Europe e dedicata a indagare il rapporto tra la prima infanzia (bambini da 0 a 6 anni) e le arti dello spettacolo. Il progetto coinvolge 18 tra istituzioni, teatri e artisti provenienti da 17 Paesi europei (Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Olanda, Polonia, Romania, Slovenia, Spagna, Svezia e Regno Unito), tra i quali La Baracca - Testoni Ragazzi, Teatro per la Gioventù e l’Infanzia della città di Bologna, e comprende un concorso di illustrazione annuale che seleziona le migliori opere candidate attorno al tema del rapporto della prima infanzia con le arti performative. Il progetto si concluderà nel 2023 con un’esposizione, organizzata da diverse istituzioni in collaborazione con BolognaFiere/Bologna Children’s Book Fair, che vedrà in scena il meglio delle illustrazioni vincitrici nelle quattro edizioni del concorso, assieme alle opere di quattro grandi artisti internazionali: il giapponese Katsumi Komagata, lo spagnolo Manuel Marsol, l’argentino Fabian Negrin e Klaas Verplancke dal Belgio. Questa mostra verrà presentata all’edizione del 2023 di Bologna Children’s Book Fair, per poi proseguire in un tour che la porterà nelle città dei partner durante il programma internazionale dei Season Festivals 2023.

*Fatinha Ramos portoghese di nascita, vive ad Anversa, in Belgio. Artista visuale si muove con forme espressive diverse, dall'illustrazione per ragazzi al mondo dell'arte.

*Victoria Semykina, moscovita che ha scelto da anni Bologna come luogo di vita, è un’artista che contempla il linguaggio dell'illustrazione come forma di comunicazione visiva.

*Cristina Pieropan, da Castelfranco Veneto, dopo una lunga esperienza nel mondo della moda, ora presente nell'editoria per ragazzi nazionale e internazionale.

 

*Chiara Raineri, veronese, dalla scenografia all'Accademia di Brera al mondo dell'illustrazione, come forma di espressione e comunicazione, e come contenuto nel suo lavoro di docente.